Filottrano inarrestabile, ma la Lilliput è viva e lotta

Non basta una prova coraggiosa e solida della Lilliput per piazzare il colpo a sorpresa contro la capolista: al PalaSanBenigno di Settimo Torinese si impone la Lardini Filottrano per 3-1, confermando lo status di squadra da battere in questo campionato di Serie A2. Un successo ottenuto grazie ad un’ottima partenza, in cui le marchigiane si sono imposte con relativa facilità con parziali di 16-25 e 19-25: quando la partita sembrava ormai incanalata verso un facile successo ospite, è arrivata la risposta della Lilliput, che minuto dopo minuto ha alzato la qualità del proprio gioco riuscendo anche a mettere in difficoltà le ragazze di Bellano. Dopo aver vinto il terzo set per 25-21, la Lilliput ha dato vita a un quarto parziale combattuto, emozionante, concluso in volata: dal punteggio di 20-20, fissato da una veloce di Kone, le due squadre hanno proceduto a braccetto verso la fine del set. La Lardini si è portata sul 22-23 grazie ad un muro della piemontese Sara Cogliandro, subito pareggiato da Bisio; un errore di Filottrano ha dato il primo set point alla Lilliput, alimentando la speranza di allungare il match e conquistare almeno un punto. Dopo il timeout di Bellano è stata Scuka a ribaltare il punteggio, prima che ancora Cogliandro chiudesse la questione con il punto del 24-26.
Rammarico per l’andamento della partita, anche se la consapevolezza della forza di Filottrano è tanta: l’assenza di Fiore, entrata in campo per alcuni scambi nel secondo set, è stata tamponata alla perfezione dalla prova maiuscola di Bisio, che ha chiuso con 12 punti e molte responsabilità in momenti sensibili della partita. In doppia cifra anche la centrale Akrari, che ha chiuso con 15 punti e 4 muri, di Adriana Vilcu, che ha puntato come al solito molto sul suo micidiale servizio piazzando 4 ace, e di capitan Federica Biganzoli, che ha messo a terra 10 punti. Per quanto riguarda la Lardini la migliore è stata Vanzurova con 22 punti, anche se i punti decisivi sono stati messi a segno da Cogliando (16 punti) e Scuka, che ha chiuso con 9 punti.
Una sconfitta che fa scalare al sesto posto la Lilliput, vista la contemporanea vittoria di Soverato sul campo della LPM Mondovì, ma che regala sensazioni positive a Maurizio Venco, dispiaciuto per l’andamento del match ma contento della prestazione delle sue ragazze nel terzo e quarto set.

LE PAROLE DI MAURIZIO VENCO – “Dispiace per il risultato principalmente per le ragazze: sono alla quarta partita in cui ci manca sempre un punticino per fare i miracoli, stasera se lo meritavano. Lottano, non mollano mai, se lo meritano e poi bastano due errori e la grande qualità delle avversarie per buttare via un set. In ogni caso siamo vivi, le giovani stanno facendo benissimo, lottiamo giochiamo alla pari con tutti ma in alcuni casi ci manca guizzo. Abbiamo due settimane per riposarci e ricaricare le batterie”.

“L’assenza di Fiore ci ha tolto quell’esperienza e quella esplosività che sono le sue caratteristiche peculiari, ma voglio sottolineare la prova della giovane Bisio, una partita ottima da parte sua. Mi spiace perchè ci meritavamo una piccola soddisfazione, ma abbiamo anche le nostre colpe: avevamo preparato una gara a base di giocate veloci, ma ci abbiamo messo tre set a farlo. Quando l’abbiamo fatto si è vista la differenza: non mi è piaciuto che ci abbiamo impiegato troppo a farlo, ma oltre a fare ancora i complimenti a Filottrano, ripeto che le ragazze meritavano di più”.

 
LILLIPUT PALLAVOLO-LARDINI FILOTTRANO 1-3
(16-25, 19-25, 25-21, 24-26)
SETTIMO TORINESE: Cumino, Vilcu 13, Akrari 15, Bisio 12, Biganzoli 10, Midriano 2, Parlangeli (L), Joly 1, Fiore, Malvicini ne, Tonello, Kone 5, Cortelazzo ne. All. Venco. Ass. Perrotta, Medici.
FILOTTRANO: Cogliandro 16, Bosio 1, Scuka 9, Mazzaro 11, Vanzurova 22, Negrini 11, Feliziani (L), Tosi ne, Galazzo, Rita ne, Cappelli. All. Bellano. Ass. Quintini.
ARBITRI: Maurizio Nicolazzo, Alessandro Cavalieri.
NOTE: Durata set 20’, 21’, 25’, 27’, tot 93’. Lilliput (Ric 57%, perf 37%, ace 7, err batt 10, muri 8, att 30%, errori 12). Lardini (Ric 59%, perf 36%, ace 3, err batt 9, muri 15, errori 19).