Venco: “Con Trento mi aspetto una reazione”

Un vero e proprio scontro diretto. La Lilliput prepara la sfida di domenica a Trento contro la Delta Informatica, formazione che occupa la quarta posizione in classifica con un punto di vantaggio sulla squadra di Maurizio Venco. Una partita che vale in pratica il quarto posto in classifica e che, per continuare la “base quattro”, rappresenta il quarto scontro diretto tra le due formazioni, avversarie anche nel turno di Coppa Italia. Un bilancio che attualmente vede una vittoria della Lilliput, quella in campionato giocata al PalaSanBenigno, e due successi, tutti in coppa, per le trentine.
Le due squadre vivono un momento simile, essendo reduci entrambe da una sconfitta: la Delta Informatica è stata anche al centro dell’attenzione nello scorso turno, visto che è stata la squadra a ‘testare’ le prestazioni sportive di Tiffany Abreu nella sconfitta rimediata a Palmi. Anche la Lilliput è reduce da una brutta sconfitta casalinga contro Caserta, un 1-3 con un evidente calo alla distanza dopo essersi aggiudicate in tranquillità il primo set.
La partita di domenica al Sanbàpolis di Trento sarà “una sfida importante – è il punto di vista di Maurizio Venco, allenatore biancoblu – come spesso capita in questo momento della stagione in cui sono quasi tutti scontri diretti: mi aspetto una reazione da parte della Lilliput. Loro arrivano da una sconfitta con Palmi ma hanno dimostrato contro Pesaro di essere una formazione in grado di lottare per le posizioni di vertice del campionato e nel girone di ritorno hanno migliorato il percorso fatto nella prima parte di stagione”.
L’obiettivo sarà riscattare il ko della scorsa settimana con Caserta, sconfitta maturata senza l’opposto Fiore, assente anche domenica: “Sono convinto che avremo una buona reazione, dobbiamo tirare fuori energie nuove: sarà ancora assente Fiore, che ne avrà ancora per un po’. Per fortuna c’è la pausa di Coppa Italia, possiamo concentrarci al recupero fisico perchè siamo in un momento della stagione in cui la fatica si fa sentire”.