Apoteosi Lilliput: la serie A2 è tua

SERIE B1 FEMMINILE FINALE PLAY OFF: GARA 3 DATA: 30-05-2015
LILLIPUT SETTIMO – DOMOVIP PORCIA 3-0 (25-22; 25-19; 25-22)
La Lilliput Settimo festeggia la prima, storica, promozione in serie A2 femminile di pallavolo grazie al successo per 3-0 in gara 3 della finale play off di B1 contro la Domovip Porcia. In tre occasioni, nelle stagioni sportive 2005/2006, 2012/2013 e 2013/2014, la prima squadra della società presieduta da Pasquina Rizzi aveva preso parte ai play off promozione per la A2, ma mai era riuscita a compiere il grande salto. Obiettivo centrato quest’anno, al termine di una stagione memorabile, la migliore di sempre. Fare meglio della passata annata agonistica, culminata con il primo posto nel girone A di B1 con 68 punti, frutto di 23 vittorie e 3 sconfitte, e il doppio ko nei play off con Trento e Piacenza, pareva compito arduo per chiunque, non per le ragazze allenate da Massimo Moglio e Cristiano Giribuola: ancora prima posizione in campionato, con un bottino record di 71 punti e ben 24 successi (20 consecutivi) e 2 soli stop, entrambi al tiebreak, con la Lilliput unica squadra del girone A sempre a punti in tutte le partite di regular season. Nella finale play off, affrontata stavolta da miglior prima classificata, il capolavoro biancoblu, culminato con il successo in gara 3 contro Porcia, nella “bella” decisiva, affrontata senza la palleggiatrice titolare Silvia Bazzarone, squalificata. La Lilliput è però una squadra con la S maiuscola e nel momento più importante della sua storia e di questa stagione ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, raggiungendo un traguardo che ha dell’incredibile: la promozione in serie A2. Merito di queste giocatrici, sempre pronte a battersi insieme su ogni pallone, fianco a fianco, da vera squadra e da autentica famiglia. Merito dello staff tecnico, capace di far allenare la formazione duramente in questi anni per supplire con il lavoro in palestra il gap con squadre ben più blasonate e con giocatrici d’esperienza in organico: i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Merito del team manager Gianfranco Salmaso e del direttore sportivo Marcello Capucchio, fautori insieme a Moglio di una programmazione illuminata, contraddistinta da tante scelte vincenti, come quella di puntare su giocatrici emergenti, determinate ad affermarsi ed a realizzare tutte insieme il loro sogno chiamato serie A2, e sulla crescita dei prodotti del florido vivaio settimese, uno dei migliori d’Italia. Merito dello staff medico, dei dirigenti e di tutte quelle persone che lavorano dietro le quinte, lontano dai riflettori, e che hanno nel cuore la Lilliput. Merito dei tifosi (genitori, parenti, fidanzati o semplici amici e appassionati di pallavolo, bambine del minivolley e ragazze del settore giovanile), sempre vicini a queste ragazze in casa ed in trasferta e mai così calorosi come nelle partite casalinghe della finale play off.
Tornando a gara 3, la Lilliput si presenta in campo con Erika Garrafa Botta (classe 1996 settimese doc) in cabina di regia, in luogo della squalificata Bazzarone, quest’ultima sempre in piedi a bordo campo ad incitare con tutta la sua energia le proprie compagne di squadra, così come dalla panchina Simona Buffo e Giulia Bosi, non utilizzate in questa partita. L’avvio di gara è favorevole al sestetto friulano (5-8), tuttavia la Lilliput non si fa prendere dalla paura e reagisce con carattere. I muri di Erica Giacomel ed Alessia Midriano guidano la riscossa biancoblu, la ricezione di Francesca Parlangeli dà grande sicurezza e le difese di Federica Biganzoli tengono in vita nuovi palloni, fondamentali ai fini della rimonta griffata dagli attacchi di Yasmina Akrari e dalle battute di Sara Cortelazzo. La Lilliput ha il grande merito con un encomiabile lavoro di squadra di annullare Marta Agostinetto e Marika Serafin, le due attaccanti di punta della Domovip Porcia, e dopo la seconda sospensione tecnica mette la freccia, portandosi sul +3 (21-18) e mantenendo il vantaggio sino a fine set: 25-22. Da segnalare l’ingresso in campo nelle fila biancoblu di capitan Marianna Bogliani, di Roberta Bruno e della giovanissima Rachele Morello (classe 2000), chiamata in panchina per l’assenza di Bazzarone e all’esordio in B1 nella finale play off. Copione simile nella seconda frazione di gioco, con le ospiti che partono meglio, ma che una volta superate non riescono a tenere il passo delle settimesi, scese in campo con il coltello tra i denti e con la ferrea determinazione di chi vuole andarsi a prendere con tutte le forze questa promozione: 25-19. Il doppio vantaggio nel conto dei set porta la Lilliput mai così vicina alla serie A2, ma la gara è tutt’altro che chiusa perché Porcia è formazione con giocatrici di categoria superiore e non ha alcuna intenzione di alzare bandiera bianca. Le settimesi vanno sotto 8-13 e mostrano qualche crepa nel loro gioco, ma ancora una volta si dimostrano grande squadra nei momenti che contano. Bogliani e Bruno, confermate in sestetto, danno un importante apporto, con il capitano che si prende così ciò che un serio infortunio al ginocchio destro le aveva tolto l’anno scorso ad un passo dai play off, ma è tutta la Lilliput che fa quadrato in campo, si tira fuori da una situazione di pericolo con orgoglio e inscena una rimonta coraggiosa, costringendo Porcia a forzare in attacco e in battuta per restare aggrappata al match con le unghie. Risultato di questa situazione sono i 16 errori gratuiti commessi dalle friulane nel terzo parziale, che di fatto consegnano la vittoria alle settimesi. L’ultimo punto, infine, merita una descrizione dettagliata: sul 24-22 in battuta c’è Garrafa Botta, tutto il pubblico è in piedi pronto ad esplodere ed alle spalle della palleggiatrice in prima fila a bordo campo c’è Salmaso, anima e cuore della Lilliput: ha le mani sul viso, l’emozione è forte e non riesce a guardare la partita. Erika abita a pochi metri dalla palestra, ha fatto tutta la trafila in casa biancoblu, dai primi passi nel settore giovanile fino alla B1: il suo ace che chiude il match sul 25-22 è un segno del destino, testimonia che doveva andare così, e fa esplodere di gioia tutto il PalaSanbenigno, gremito all’inverosimile. Le ragazze si abbracciano, ci sono le lacrime sui loro volti. Questa volta di gioia, per una serata che ricorderanno per tutta la vita, quella della promozione in serie A2. Tutto il resto è storia.
Infine, da segnalare all’ingresso in campo delle due squadre lo striscione tenuto dalle ragazze della Lilliput in ricordo di Valter Turco, storico presidente della Lpm Mondovì scomparso nei giorni scorsi dopo una lunga lotta contro la malattia. Un grande appassionato di pallavolo e una persona capace di farsi apprezzare da tutti per i suoi sani principi: ricordarlo in una serata come questa è stato il miglior modo per rendergli onore.

LILLIPUT PALLAVOLO SETTIMO: Garrafa Botta 5, Cortelazzo 1, Akrari 8, Midriano 2, Biganzoli 10, Giacomel 10, Parlangeli (L); Morello, Bogliani 3, Bruno 4. N.e. Buffo, Bosi.
All. Moglio, 2° Giribuola.
DOMOVIP PORCIA: Pesce, Agostinetto 1, Positello 9, Rizzetto 11, Serafin 7, Kirwan 5; Tonon (L); Perrone 4, Poser 4, Gjuzi (2L). N.e. Ciotoli, Mazzon, Baruffi.
All. Rossato, 2° Marotta.

ARBITRI: Tarchi e Russo

MURI PUNTO: Lilliput 7 (Giacomel 3; Akrari, Midriano, Bogliani, Bruno); Domovip 10 (Positello 6, Rizzetto 3; Kirwan).
PUNTI IN BATTUTA: Lilliput 7 (Garrafa Botta 4; Biganzoli, Cortelazzo e Bogliani); Domovip 0.
ERRORI A SERVIZIO: Lilliput 8 (Garrafa Botta 3; Biganzoli e Akrari 2; Bruno); Domovip 9 (Serafin, Positello e Agostinetto 2; Kirwan, Rizzetto e Poser).