Secondo posto provinciale per le Lillarelle

Che gli astri non fossero a nostro favore si era visto subito.
Uno sciame di cavallette durante la partita ha disturbato le nostre ragazze limitando loro la possibilità di esprimersi al meglio…
… e poi il sole alle spalle ha creato riflessi che hanno disturbato la visione corretta dei limiti del campo…
… e poi il nome stesso della città sede della palestra ha disorientato le nostre che non hanno più saputo se competere per essere Prime o “None” …
… e poi… e poi…
… e poi… BRAVE LORO !
Onore alle ragazze del Chisola che hanno interpretato nel modo giusto la partita, senza mai mollare.
Capaci di recuperare sul 15 a 21 per noi, quando si pensava – forse – che la partita sarebbe stata una passeggiata.
E invece no, vinto il primo set – loro – noi siamo andate in corto.
Non ha funzionato più nulla o quasi.
Secondo set in affanno. A loro riesce tutto, ribadisco: brave. A noi scivola tutto addosso.
Reazione d’orgoglio nel terzo, vinto, ma nel quarto le energie e la convinzione rotolano inesorabilmente verso limiti che nessuno avrebbe immaginato negli ultimi tempi.
Una sconfitta dolorosa, ma non umiliante.
Spiace per tutte, per gli allenatori, per un pubblico entusiasta e sempre caloroso, per chi come Laura e lo scrivente ha seguito le ragazze non solo per dovere.
Questa volta scrivere fa male.
Ho provato, come al solito, a scherzare all’inizio, ma sinceramente non so cos’altro dire…
Unica consolazione il premio a Cicogna come miglior attaccante.
Ma un premio, sinceramente lo meritano tutte.
Per il percorso fatto durante l’anno e per come sono riuscite a costruire uno spirito di squadra da due tronconi che all’inizio pareva non potessero realizzare un innesto fruttuoso.
Spiace anche per coloro – le società – che hanno scommesso sulla fusione.
… e poi basta. Si ricomincia.
Forza Lillarella, forza Lillarelle !!!
P.E.S.

CHISOLA – LILLIPUT 3-1
27 a 25 – 25 a 20 – 19 a 25 – 25 a 22

Manina 3 – Cicogna 13 – Buffo 13 – DeAgostini 10 – Micheletto 10 – Pasca 6 – Fantino 2