La Lilliput passa al tiebreak sul campo dell’Igor Trecate

SERIE B1 FEMMINILE GIRONE A: 14° TURNO DATA: 07-02-2015
IGOR VOLLEY TRECATE – LILLIPUT SETTIMO 2-3 (23-25; 25-20; 25-23; 20-25; 13-15)

Grande equilibrio nella sfida tra Igor Volley Trecate e Lilliput Settimo valevole per la prima giornata del girone di ritorno. Dopo due ore di partita, a spuntarla è la squadra di Massimo Moglio che si impone al tiebreak con il minimo scarto e mette al sicuro l’ottava vittoria consecutiva in campionato. L’Igor Volley Trecate, quando è al completo, si conferma una squadra di ottima caratura, composta da giocatrici giovani e ben dotate fisicamente, e come successo all’esordio stagionale impegna a fondo per 5 lunghi set le biancoblu settimesi.
Avvio di gara sprint da parte delle ospiti (0-4), ma ben presto le novaresi riprendono la squadra avversaria, complici i 5 errori in battuta che rallentano il cammino della Lilliput. Erica Giacomel e Yasmina Akrari prendono per mano le proprie compagne in fase realizzativa, senza però che la loro formazione riesca a staccare nel punteggio le padrone di casa. Si arriva così ad un finale in volata, con Federica Biganzoli brava a firmare di astuzia il punto del definitivo 23-25. L’Igor Volley non si dà per vinta e alla ripresa del gioco sfoggia grande determinazione. Le ragazze di Matteo Ingratta limitano il numero degli errori e si portano a condurre, mentre dall’altra parte della rete il tallone d’Achille della Lilliput è sempre rappresentato dai troppi sbagli dalla linea del servizio. Con l’ingresso di Sara Cortelazzo ed Erika Garrafa Botta la compagine settimese prova a risalire la china, senza però mai riuscire a riportarsi negli scarichi delle novaresi: 25-20. Trecate gioca sull’onda dell’entusiasmo, tuttavia nella prima metà del terzo parziale deve fare i conti con la caparbietà delle ospiti, trascinate in attacco da Alessia Midriano, ben servita da Silvia Bazzarone, abile a sfruttare la buona ricezione di Francesca Parlangeli e compagne. La squadra capitanata da Marianna Bogliani si porta al secondo timeout tecnico sul +4 (12-16), poi non è lucida nell’approfittare del momento di appannamento delle più giovani rivali e subisce il perentorio ritorno dell’Igor Volley, con Sara Rinaldi ed Ester Talamazzi terminali offensivi prescelti da Francesca Bosio. Nel testa a testa finale a imporsi è stavolta Trecate che si porta così avanti nel conto dei set: 25-23. L’occasione sprecata brucia eccome in casa biancoblu ed alla ripresa c’è la voglia di andarsi a riprendere quanto gettato alle ortiche precedentemente. La Lilliput parte bene e mantiene le redini della frazione sino alla fine, compiendo l’allungo decisivo dopo la seconda sospensione tecnica (14-16). Il ritorno in campo di Roberta Bruno e i muri punto di Midriano scavano il solco tra i due sestetti; il tiebreak diventa una formalità: 20-25. Dopo una buona partenza, la squadra di Moglio fatica nella fase centrale del quinto set e si fa scavalcare dalle avversarie sul 10-9, ma una miglior percentuale offensiva (55% contro il 41% delle novaresi) assicura alle settimesi la vittoria, sudata comunque fino all’ultimo punto, deciso da un attacco out della compagine di casa: 13-15.
Sabato 14 febbraio la Lilliput Settimo ospiterà al PalaSanbenigno la capolista Pinerolo.

IGOR VOLLY TRECATE: Bosio 1, Masciullo 15, Mio Bertolo 7, Guidozzi 10, S. Rinaldi 22, Talamazzi 15; Prencipe (L); Colombo, Miola 1, Schirò 1. N.e. Carando, Taje, Baragioli (2L).
All. Ingratta, 2° Bonardi.
LILLIPUT PALLAVOLO SETTIMO: Bazzarone 2, Bruno 4, Akrari 16, Midriano 20, Biganzoli 13, Giacomel 18; Parlangeli (L); Garrafa Botta, Bogliani, Cortelazzo 6. N.e. Bosi, Buffo.
All. Moglio, 2° Giribuola.

ARBITRI: Ferrari e Calabrese.

MURI PUNTO: Igor 7 (S. Rinaldi, Mio Bertolo e Masciullo 2; Guidozzi); Lilliput 12 (Midriano 5; Akrari 3; Giacomel 2; Biganzoli e Bruno).
PUNTI IN BATTUTA: Igor 8 (Talamazzi 4; Guidozzi, Masciullo, Mio Bertolo e S. Rinaldi); Lilliput 7 (Akrari, Bazzarone e Giacomel 2; Biganzoli).
ERRORI A SERVIZIO: Igor 11 (Talamazzi 3; S. Rinaldi, Guidozzi e Mio Bertolo 2; Bosio e Masciullo); Lilliput 18 (Akrari e Midriano 4; Bruno, Biganzoli, Cortelazzo e Garrafa Botta 2; Bazzarone e Giacomel).

Foto di Antonio De Salvo