8.vo posto per la U18 alla WinterCup

…27 dicembre, partenza per Modena.
Arriviamo dopo un viaggio tranquillo, con papà Micheletto sempre pronto a inseguire mamma Cicogna – vorrei tranquillizzare i rispettivi consorti: sto parlando delle abilità alla guida dei furgoni, rivelate da entrambi i conducenti – in un a giornata fredda ma limpida.
Arrivati, neanche il tempo di depositare le valigie, che il dovere ci impone di presentarci al primo palazzetto.
Responsabili alcuni panini – Panini Modena… – freddi, le nostre tardano a carburare e il primo set, contro una squadra modesta, ci vede soccombere…ma non sia mai, con un colpo di reni ribaltiamo la situazione.
La seconda partita ci permette – grazie a un perentorio 2a0 – di andare a dormire sonni tranquilli.
Il primo step è superato: siamo tra le prime 16, ma non è il nostro obiettivo.
L’indomani, rinfrancati da un sonno riparatore e confortati da una colazione abbondante, affrontiamo dapprima una formazione romana che nello staff ha il suo punto di forza…soprattutto nella correttezza, nella serenità delle vedute e nella condivisione del giudizio espresso dagli arbitri… e le battiamo, anche in questo caso perentoriamente.
Raggiunto così l’obiettivo di essere tra le prime otto, aspettiamo di sapere contro chi giocarci l’accesso alle semifinali: Igor Gorgonzola Trecate.
…si sa, il gorgonzola è pesante… e le agguerrite fanciulle, onestamente sono apparse, nel complesso, superiori alle nostre, che, però, hanno saputo tenere testa validamente vendendo cara la pelle, tanto che il primo set, che ci vedeva in svantaggio 18a23, grazie alle battute salaci di buffo ci ha permesso di rimontare e di sperare quando 24a23 per noi abbiamo avuto la possibilità di chiudere ma, ahinoi, un briciolo di sfortuna e la forza delle altre non ce l’ha permesso: 26a28 per Trecate, con tanti rimpianti, ma con tanti meriti.
Nel secondo set abbiamo tenuto, ma le avversarie non hanno mai mollato, chiudendo la partita sullo 0a2 ma senza demeriti da parte nostra.
…non così l’indomani mattina… prima partita, contro una squadra toscana… primo set: 25a12 per noi !!! evvai… èfffattta… macchè, col cavolo. Le altre, mai dome ribaltavano la situazione chiudendo, mestamente per noi sull’1a2 e allontanandoci da quel quinto posto, che avevamo conquistato nella scorsa manifestazione… brutto, brutto, brutto… peccato.
Ormai demotivate – ma non si dovrebbe – affrontiamo l’ultima partita senza molta convinzione e contro una formazione alla nostra altezza, con un unico martello pneumatico davanti che ha scardinato i nostri fragili muri, perdiamo anche l’ultima, venendo così relegate all’ottava posizione del torneo.
… intendiamoci, per noi !, l’ottava posizione non è un piazzamento trascurabile e indecoroso. E’ vero, dopo aver perso combattendo contro Trecate avremmo potuto affrontare anche le partite per i primi posti, ma si sa la pallavolo è uno sport in cui la testa è importante: un minimo di calo di tensione e e altre possono approfittarne, soprattutto a questi livelli.
Peccato ancora.
Note positive: il clima generale tra le ragazze, il doppio ingresso dei due liberi, sempre pronte e attente… il cibo.
Note negative: leoni contro i leoni… no, tranquilli, non l’ho neanche pensato… leggere, incostanti e deconcentrate contro le squadre minori.
… e ora, aspettiamo il Trecate in campionato. Sappiamo di poterle affrontare a viso aperto e speriamo che la loro alzatrice quel giorno pensi molto al suo fidanzato e si distragga, un po’…
Buon anno a tutti,
P.E.S.