Il bicchiere è mezzo pieno

CANELLI – LILLARELLA 3 – 1 (18-25 ; 25-13 ; 25-20 ; 25 – 22)

Cicogna 19 – Deagostini 8 – Pasca 6 – Micheletto 8 – Coggiola 4 – Stura 4 – Manina 3

Nonostante la sconfitta in serie D per le nostre Lillarelle, nel primo e nel quarto set si è visto davvero bel gioco e un bel gruppo. Forse si poteva rientrare con un punticino importante, ma ancora una volta si capisce che il duro lavoro della settimana porta i suoi frutti. Bisogna proseguire su questa strada e poi capire in che modo mantenere alta la concentrazione, acquisire quell’esperienza necessaria a recuperare rapidamente dagli inevitabili momenti di calo. Lavoro per coach Gobbato che nel primo set parte con la formazione base in assenza di Buffo con Manina e Cicogna opposte, Deagostini e Coggiola in banda e Micheletto e Pasca al centro, libero la giovane Demarchis: le ragazze sono agguerrite e molto concentrate, buoni muri e buoni attacchi spiazzano le esperte e capaci avversarie. Segue poi un turno di servizio di Cicogna che porta 3 aces consecutivi fino ad arrivare a vincere questo primo set, forse, con eccessiva tranquillità.
Il Canelli infatti non ci sta e rientra in campo ovviamente pronto a ribaltare il risultato. Da subito grandi difficoltà in ricezione ed ecco che ci si ritrova stordite sotto 9-2; una strigliata, qualche cambio, ma le Lillarelle sono come annebbiate e non riescono a uscire da questa situazione.
Il terzo inizia di nuovo in affanno, ma si iniziano a rivedere i segnali di ripresa che nel quarto set, con qualche cambio nella formazione, portano le due squadre a combattere a viso aperto e sempre punto a punto. Purtroppo l’accelerazione finale della squadra di casa le porta a vincere set e partita con un poco di amaro in bocca per le nostre giovani.
Coach Gobbato: “deluso perché si poteva fare di più, si poteva comunque portare a casa un punto importante; ma anche la partita di oggi ci dà ragione sul lavoro che stiamo facendo e che piano piano porterà i risultati che tutti ci auguriamo.” Il bicchiere è mezzo pieno.