Tag: under 18

Challenge Città di Torri – Prima giornata andata

È finita la prima giornata del torneo “Challenge Città di Torri” per le nostre tre squadre. Ecco i risultati:

UNDER 18.

Finisce la prima fase a gironi con due partite:

  • Lilliput – Banca Cremasca 2 – 1 (20/25 25/18 15/)
  • Pallavolo Celadina – Lilliput 2 – 0 (25/22 25/22)

Entrano così nel girone 1^ – 14^ posto; domani mattina le aspettano due partite:

  • Olimpia Teodora Ravenna – Lilliput (10.30)
  • Lilliput – Unet E – Work Busto Arsizio (12.30)

UNDER 14.

Giocate le prime due partite della prima fase a gironi:

  • Gortan Volley – Lilliput 2 – 0 (25/13 25/19)
  • Volley Friends – Lilliput 2 – 1 (14/25 25/18 15/)

Domani mattina le aspetta la terza e ultima gara di questa fase: Lilliput – Mondial Texcart (9.00).

UNDER 13.

Giocate le prime due gare della fase a gironi:

  • Lilliput – Neugries 2 – 0 (25/14 25/16)
  • Upc Colombo Impianti Certosa – Lilliput 0 – 2 (13/25 22/25).

Domani mattina le aspetta la terza ed ultimo partita di questa fase: My.Ko Imocovolley San Doná – Lilliput (10.30).

U18 – Finale Provinciale

Lilliput – Fenera Chieri 2-3 (25-23, 25-23, 22-25, 20-25, 17-19)

LILLIPUT: Crespan 5, Rosina, Allegri 6, Ottino 21, Baiotto 2, Ferrua (L1), Morello (L2), Tessari 11, Andreotti 8, Aiello, Girardi 1, Marsengo 17, Ingegneri. All. Medici e Venturino.

CHIERI: Parise 25, Burzio 16, Fini 8, Quilico, Daffara 5, Severin 2, Giani 8, Scaglia (L2), Rolando 8, Sturaro 1, Ariagno 2, Dall’Osto, Flueras (L1). All. Sinibaldi e Rostagno.

Dopo una maratona di 2 ore e 20 minuti finisce con la sconfitta per 3-2 contro le padrone di casa del Chieri ’76 il campionato interprovinciale 2019 per le ragazze di Medici e Venturino.

Tra 15 giorni inizia la fase regionale, avversarie Unionvolley, Pavic Romagnano e La Folgore. Girone all’italiana, la prima classificata dopo le 3 gare accede alla Final Four Regionale.

SI SEPARANO LE STRADE DI MAURIZIO VENCO E DELLA LILLIPUT

Al termine di una entusiasmante collaborazione, la società Lilliput rende nota la risoluzione consensuale del legame con l’allenatore lanzese Maurizio Venco.

Il presidente della società Pasquina Rizzi ed il neo direttore sportivo Daniele Russo,ringraziano Maurizio per il lavoro svolto e per gli ottimi risultati dell’annata appena conclusa (finale promozione in B1, campione provinciale e regionale, secondo posto alle finali nazionali U18).

A lui i migliori auguri per il prosieguo della sua carriera sportiva.

LILLIPUT U18 CAMPIONE TERRITORIALE!

La Lilliput U18 ha conquistato il titolo territoriale di categoria vincendo la finalissima, giocata domenica 25 marzo a Pinerolo, contro l’Union Volley per 3-0 ( 25-11, 25-18, 25-20). Una partita dominata dalle nostre ragazze che fin dal primo set hanno dimostrato una netta superiorità nei confronti delle padrone di casa, che solo nel terzo parziale hanno provato ad alzare il proprio livello di gioco e, complice qualche errore di troppo della Lilliput, sono riuscite a rimanere a contatto fino al 20-20, momento nel quale le ragazze di coach Venco sono rimaste concentrate e con grande determinazione hanno messo a segno un break di 5-0 che ha garantito la vittoria finale.

Un titolo che riempie di gioia tutte le ragazze e l’intero staff della Lilliput garantendo ulteriore fiducia in vista della fase regionale che inizierà ad Aprile con la fase eliminatoria e vivrà la sua fase conclusiva il 1 Maggio con la final four, dove si sfideranno le 4 squadre vincitrici dei rispettivi gironi. Oltre al titolo di squadra la società può gioire per i quattro premi individuali vinti dalle nostre ragazze, con Anna Tessari premiata come MVP della finale, Rebecca Ghirotto come miglior libero, Clara Venco come miglior palleggio e Jessica Joly come miglior attaccante.

Dopo i lunghi festeggiamenti di ieri, la squadra di Venco e Medici riparte subito oggi con gli allenamenti in palestra e questo sabato mattina al Pala San Benigno giocherà un’amichevole contro una società di Bologna per preparare al meglio la prima partita della fase eliminatoria regionale.

GRANDISSIME CAMPIONESSE!!

 

LILLIPUT U18 vola in finale territoriale!

Riesce l’impresa alla Lilliput under 18 che dopo la sconfitta subita nella gara d’andata per 3-1, aveva bisogno di vincere per 3-0 nella semifinale di ritorno, disputata ieri sera al Pala Sanbenigno contro Savigliano. La voglia di ribaltare il doppio confronto si è vista fin da subito da parte di tutte le ragazze in campo, le quali hanno avuto un ottimo atteggiamento in campo ed hanno mantenuto alta la concentrazione, disputando una buona gara ma sopratutto portando a casa l’unico risultato utile per staccare il pass per la finale: 3-0!!

Finalissima 1/2 posto in programma domenica 25 marzo a Pinerolo alle ore 17.

Semifinale territoriale U18 gara di ritorno:

LILLIPUT – Vbc Savigliano  3-0  ( 25-16, 25-21, 25-17)

GRANDISSIME RAGAZZE!!!

 

Un bronzo meraviglioso

Lo scudetto under 18 femminile 2016 parla romano. In un PalaRubini gremito da caldi appassionati, per la terza volta consecutiva, la Volleyrò Roma si guadagna il titolo di campione d’Italia, sconfiggendo in finale la Volley Bergamo Foppapedretti per 3 a 0. Bergamo parte a razzo e sembra poter pensare di battere le campionesse d’Italia in carica. La Volleyrò però non ci sta e, con un clamoroso recupero, riesce a ribaltare il risultato chiudendo il primo set 25 a 21. L’illusione delle bergamasche però dura poco. Le ragazze di Cristofani sono troppo forti, le schiacciate di Giulia Melli (eletta miglior attaccante del Torneo) non danno tregua. Le romane, infatti, chiudono la pratica Bergamo al terzo set per 25 a 19, stesso risultato del secondo.

Medaglia di bronzo per la Lilliput di Settimo Torinese che batte il Progetto Volley Orago Varese per 3 a 2 in un entusiasmante scontro. Iniziata con mezz’ora di ritardo per un problema tecnico, la gara sembra essere la classica partita senza storia. Primo set vinto facilmente dalle lombarde per 25 a 13 e secondo set, seppur più combattuto, portato a casa per 25 a 23. Sotto 2 a 0, le piemontesi non vogliono mollare la presa e tirano fuori l’orgoglio. Il terzo set inizia con un sostanziale equilibrio, fino a 8-8, quando i 192 centimetri di Marina Lubian in prima linea si fanno sentire e la Lilliput si porta sul massimo vantaggio (22-14). Ma Orago non ci sta. Recupera lo svantaggio punto su punto fino al -2 (22-24). Un errore in difesa però, regala il punto decisivo alla Lilliput che vince per 25 a 22. Nessuna delle due contendenti vuole arrendersi e il quarto set viene giocato alla pari. Vince ancora la Lilliput per 25-23 e decreta il tie break. Quinto set tutto da vedere. Le due squadre, ancora in parità sul 7 a 7, vogliono assolutamente vincere la gara e salire sul gradino più basso del podio. Alcuni errori in difesa però permettono alle piemontesi di portarsi avanti scavando un divario di 5 punti (14-9). Il 15 a 11 sancisce la vittoria della Lilliput che porta a casa una gara decisamente appassionante.

Il quinto posto alle finali di Trieste lo conquista la Level Imoco Volley San Donà che batte la Bruel Volley Bassano per 3 a 1 (21-25 17-25 25-22 21-25), mentre la Vero Volley Cislago Enza Boutique Monza sconfigge per 3 a 0 la Synergy Tecnoship Stra nella finale per il settimo e l’ottavo posto.

 

CLASSIFICA FINALE

  1. Volleyro’ Casal De Pazzi ROMA
  2. Volley Bergamo Foppapedretti
  3. Lilliput Pallavolo Settimo TO
  4. Progetto Volley Orago/Visette VA
  5. Level Imoco Volley S. Dona’ VE
  6. Bruel Volley Bassano VI
  7. Vero Volley Cislago Enza Boutique MB
  8. Synergy Tecnoship Stra VE
  9. Anderlini Unicom Straker MO
  10. Montelupo Città della Ceramica FI
  11. Leonessa & Uisp80 Altamura BA
  12. Pol. Filottrano Pallavolo AN
  13. Albisola Pallavolo SV
  14. Asd Pallavolo Sicilia CT
  15. Volalto CE
  16. As Gymland OR

Finali CRAI Under 18

10 giugno, giornata ricca di incontri. Sono infatti 16 le partite disputate oggi nei quattro impianti cittadini messi a disposizione dall’organizzazione.  Mattinata tranquilla per la Volleyrò Casal de Pazzi Roma e la Synergy Tecnoship Stra nel girone E. Le detentrici dello scudetto liquidano la Pallavolo Sicilia Catania per 3 a 0. Stesso risultato anche la Pallavolo Stra cha ha la meglio sulla Leonessa & Uisp80 Altamura.

Nel girone F, successo per la Vero Volley Cislago Enza Boutique MB sulla Volalto Caserta per 3 a 0 e per il Progetto Volley Orago sulla Visette Vapol. Filottrano Pallavolo Ancona (3-0). Più combattute le partite del girone G dove la Bruel Volley Bassano ha la meglio sulle savonesi dell’Albisola per 3 a 1 e, con lo stesso risultato, la Volley Bergamo Foppapedretti sulla Pallavolo Montelupo Città della Ceramica.

Nel girone H la Anderlini Unicom Straker Modena batte 3 a 0 la Gymland Oristano e le ragazze della Lilliput di Settimo Torinese escono vincitrici nello scontro con il Level Imoco Volley San Donà per 3 a 1.

Nelle partite del pomeriggio, ancora una sconfitta, nel girone E, per la Pallavolo Sicilia Catania bloccata dalla Synergy Tecnoship Stra per 3 a 1 ed ancora una roboante vittoria per la Volleyrò Casal de Pazzi Roma che batte 3 a 0 la Leonessa & Uisp80 Altamura.

Nel girone F il Progetto Volley Orago sconfigge la Visette Vapol. Filottrano Pallavolo Ancona per 3 a 0 e la Vero Volley Cislago Enza Boutique MB liquida con un secco 3 a 0 “la pratica Ancona”.

Nel girone F, troppo forte la Foppapedretti Bergamo per la Albisola Pallavolo che esce sconfitta per 3 a 0. Nell’altro incontro del girone, invece, la Montelupo Città della Ceramica alza bandiera bianca contro la Bruel Volley Bassano che vince la partita per 3 a 0.

Nel girone H, ancora una sconfitta per la Gymland Oristano. Senza storia l’incontro che vede le isolane battute per 3 a 0 dalla Level Imoco Volley San Donà con dei parziali piuttosto pesanti (25-10, 25-7, 25-12). Le campionesse regionali della Sardegna, nonostante l’impegno, nulla possono contro le avversarie oggettivamente più forti e chiudono la classifica del girone a 0 punti. Fuochi d’artificio invece nell’ultima partita del girone H che si è disputata al PalAquilinia. La Lilliput di Settimo Torinese vince al tie break contro un’inarrendevole Anderlini Unicom Straker Modena. Avanti 2 a 1, Modena crolla proprio nel finale perdendo il quarto set 25 a 9 e il tie break per 15 a 11. Grazie alla vittoria Torino guida il Girone H con 8 punti.

 

Ragazze d’oro, campionesse regionali!

Sette giorni indimenticabili in casa Lilliput Settimo: dopo il successo ottenuto domenica scorsa a Vercelli in Under 16, le biancoblù hanno bissato il titolo regionale conquistando anche quello Under 18. A Biella è andata in scena una Final Four decisamente diversa da quella della scorsa settimana, in cui la superiorità delle lillipuziane era evidente: l’innesto di Buffo ha rafforzato la squadra a disposizione di Perrotta, ma l’avversaria in finale, la Igor Gorgonzola Novara, è partita con i favori del pronostico, vista la qualità delle novaresi.
La Lilliput ha lottato fin dalla prima frazione, combattuta in tutta la sua durata, riuscendo a imporsi per 32-30 dopo aver annullato cinque set point: la regia di Morello, le conclusioni di Bisio e Buffo, la presenza di Lubian e Kone, la precisione di Tonello hanno permesso alle settimesi di portarsi sull’1-0, riuscendo nel set successivo, anche questo conclusosi in volata, di allungare sul 2-0. Terzo set a senso unico, dominato in lungo e in largo da Novara come la quarta frazione, iniziata con un break pesante da parte dell’Igor. Azione dopo azione la Lilliput ha rosicchiato il vantaggio novarese, agganciando la Igor sul 20-20 e superandola sul 21-20: gli errori di Zannoni e compagne, la pressione della Lilliput e la grande prova nel finale di Kone hanno fatto pendere l’ago della bilancia dalla parte della Lilliput. Sul 23-23 ci hanno pensato Morello con un ace e un errore della Igor a decretare la vittoria: bella, sofferta, inaspettata, pass per accedere alle finali nazionali in programma a Trieste.

 

LILLIPUT PALLAVOLO-IGOR NOVARA 3-1
(32-30, 26-24, 14-25, 25-23)
LILLIPUT SETTIMO: Buffo 10, Lubian 15, Bisio 8, Kone 7, Morello 9, Tonello 12, Ghirotto (L), Benvenuti, Balocco. Non entrate: Joly, Martire, Gorlato, Picca Piccone (L2). All. Perrotta. Ass. Dibisceglia.
IGOR: Miolo 16, Bartesaghi 16, Bosetti 19, Tajè 11, Courroux 2, Populini 12, Zannoni (L), Gullì 2. Non entrate: Rivetti, Marangon (L2), Zecchini. All. Ingratta. Ass. Alberti.
ARBITRI: Samuele Strippoli, Fabrizio Ciraci.
NOTE – Lilliput: Ricezione 50% (36% perfetta), Attacco 28%, Ace 4, Servizi Sbagliati 0, Errori 22. Igor: Ricezione 58% (39% perfetta), Attacco 35%, Ace 8, Servizi Sbagliati 11, Errori 25.

 

 

 

Doppio stop per le Lillarelle

UNDER 18 REGIONALE
LILLARELLA – JUNIOR VOLLEY DOC 0-3 (16-25 : 16-25; 24-26)
Manina 1 – Cicogna 8 – Buffo 5 – Deagostini 8 – Pasca 6 – Micheletto 7 – L.: Demarchis – Colletta – Fantino – N.e.: Coggiola – Molino – Saltarella

Lillarelle spente e poco motivate sin dalle prime battute in questa prima fondamentale partita del regionale. Di fronte ad una compagine decisamente organizzata in tutte le fasi di gioco ci sarebbe voluta la squadra che spesso, in questa stagione, si è vista giocare ad alti livelli. Purtroppo, almeno nei primi due set, non si è vista neppure l’ombra di quelle capacità di imporre gioco e intensità. Così la partita è stata messa completamente in mano alle bravissime Casalesi che non se la sono lasciata sfuggire vincendo con un perentorio 3-0. Emblematico persino il terzo set, dove si è vista una bella reazione, una frazione giocata interamente in vantaggio con un buon margine, salvo buttarlo alle ortiche nel finale come purtroppo è capitato in più di una occasione nei momenti importanti.
Gioie e dolori di una squadra nata da due mezze formazioni non facili da amalgamare, protagonista comunque di una bellissima stagione.

SERIE D
AGRYVOLLEY – LILLARELLA 3 – 2 (23-25 ; 23-25 ; 25-18 ; 25-22 ; 15-12)
Boggio 3 – Cicogna 21 – Coggiola 8 – Deagostini 13 – Fantino 10 – Pasca 2 – L. Demarchis – Colletta – Micheletto 5 – Saltarella 3 – n.e. Manina

Sconfitta difficile da raccontare se si considerano l’andamento generale del match e il turno di andata. Aggiudicati i primi due set riuscendo comunque a complicarsi le cose anche quando erano decisamente sotto controllo, il Lillarella se le complica completamente facendosi rimontare i due parziali, consentendo alle esperte avversarie di ritrovare fiducia, gioco e di aggiudicarsi la gara al tie break. Forse a questo punto è subentrata una stanchezza di motivazione dovuta alla consapevolezza di aver svolto un campionato di Serie D di buon livello lasciando tuttavia per strada, a causa di improvvisi cali di concentrazione, molti punti e altrettante soddisfazioni.

Secondo posto provinciale per le Lillarelle

Che gli astri non fossero a nostro favore si era visto subito.
Uno sciame di cavallette durante la partita ha disturbato le nostre ragazze limitando loro la possibilità di esprimersi al meglio…
… e poi il sole alle spalle ha creato riflessi che hanno disturbato la visione corretta dei limiti del campo…
… e poi il nome stesso della città sede della palestra ha disorientato le nostre che non hanno più saputo se competere per essere Prime o “None” …
… e poi… e poi…
… e poi… BRAVE LORO !
Onore alle ragazze del Chisola che hanno interpretato nel modo giusto la partita, senza mai mollare.
Capaci di recuperare sul 15 a 21 per noi, quando si pensava – forse – che la partita sarebbe stata una passeggiata.
E invece no, vinto il primo set – loro – noi siamo andate in corto.
Non ha funzionato più nulla o quasi.
Secondo set in affanno. A loro riesce tutto, ribadisco: brave. A noi scivola tutto addosso.
Reazione d’orgoglio nel terzo, vinto, ma nel quarto le energie e la convinzione rotolano inesorabilmente verso limiti che nessuno avrebbe immaginato negli ultimi tempi.
Una sconfitta dolorosa, ma non umiliante.
Spiace per tutte, per gli allenatori, per un pubblico entusiasta e sempre caloroso, per chi come Laura e lo scrivente ha seguito le ragazze non solo per dovere.
Questa volta scrivere fa male.
Ho provato, come al solito, a scherzare all’inizio, ma sinceramente non so cos’altro dire…
Unica consolazione il premio a Cicogna come miglior attaccante.
Ma un premio, sinceramente lo meritano tutte.
Per il percorso fatto durante l’anno e per come sono riuscite a costruire uno spirito di squadra da due tronconi che all’inizio pareva non potessero realizzare un innesto fruttuoso.
Spiace anche per coloro – le società – che hanno scommesso sulla fusione.
… e poi basta. Si ricomincia.
Forza Lillarella, forza Lillarelle !!!
P.E.S.

CHISOLA – LILLIPUT 3-1
27 a 25 – 25 a 20 – 19 a 25 – 25 a 22

Manina 3 – Cicogna 13 – Buffo 13 – DeAgostini 10 – Micheletto 10 – Pasca 6 – Fantino 2

E finale sia!

… scusate il ritardo !
Le libagioni di Pasqua, gli obblighi domestici e parentali hanno distolto il vostro umilissimo Pastore Errante dal settimanale commento del dopo partita… ma soprattutto la partenza – vero Chico ! – dell’ospite a stelle e strisce ha lasciato in uno stato di prostrazione indicibile lo scrivente…
… e così – come direbbe lo scrittore Osvaldo Soriano – TRISTE, SOLITARIO Y FINAL, tiremm ‘nanz e gurdiamo fiduciosi alla FINAL meritatamente conquistata sul campo, nel ritorno casalingo contro le volenterose ragazza del CUS.
La partita, ormai, sembrava segata dall’inizio ma per evitare TRISTI sorprese e piangere in SOLITARIO, le nostre hanno chiuso perentoriamente ogni discorso vincendo nettamente il primo set, anche se l’inizio – sino al 12 a 11 – non è stato da manuale.
Secondo set più perentorio n virtù delle ritrovate battute e di un ottima prova della squadra. Le ragazze si sono avvicendate e tutte hanno offerto il loro contributo positivo ed efficace.
Più ostico il terzo: ormai appagate – comprensibilmente ma mai da praticare comunque – le ragazze del CUS hanno gareggiato fianco a fianco alle nostre e quando sembrava che l’esito pendesse a loro favore sul 22 a 23, con un colpo di reni le LILLARELLE mettevano la freccia e andavano a tagliare il nastro vittoriose e … bastarde dentro (è così che vi vogliamo: sempre !)
… e ora… e ora… ancora una volta una finale provinciale, ma quest’anno, per alcune ha, anzi deve avere un valore speciale.
Se per le lillipuziane la finale è ormai una consuetudine… che noia… si fa per dire, per le parelline costituisce un’opportunità unica e irripetibile.
Se dalle Lilli ci si aspetta comunque il 100% dalle Pari ci si attende il 200%
Non si tratta di caricare di responsabilità alcune – la squadra è una sola ormai – ma ulteriori motivazioni possono tornare utili nell’affrontare una squadra tosta come il Chisola.
FORZA RAGAZZE
… in finale, in panca, siederà Laura, a cui va tutta la stima e la riconoscenza del sottoscritto per quanto ha fatto e continuerà a fare durante il corrente anno… un’altra finale… che noia !!!
P.E.S.

LILLARELLA vs CUS TORINO: 3 a 0
25 a 13 – 25 a 11 – 25 a 23

Buffo 6 – Cicogna 11 – DeAgostini 13 – Coggiola 5 – Stura 2 – Saltarella 1 – Pasca 8 – Micheletto 2 – Fantino 3 – Manina 2

L’andata della semifinale è nostra

CUS TORINO – LILLARELLA 0-3
(14-25; 7-25; 14-25)

…se qualcuno ancora pensa che Lillarella sia un diminutivo e che il nome sia relazionato alla squadra come un attributo di relatività… si ricreda.

L’altra sera, contro il CUS, le nostre hanno sfoderato una prestazione maiuscola che ha – con tutto il rispetto – annichilito le avversarie.

I parziali, ma non solo nel punteggio mai in discussione – inizio primo set 1 a 13 !!! – ma nel gioco, perentorio e convincente hanno rivelato che la squadra e in crescita e che – mai dire gatto se non ce l’hai nel sacco – anche quest’anno la finale provinciale è alla nostra portata.

Una sconfitta – ma quando mai !!! – nella partita di ritorno sarebbe un suicidio alla luce di quanto visto l’altra sera.

Troppo forti le nostre ? deboli le altre ? diciamo convinte e convincenti le Lillarelle in ogni occasione, nonostante in attacco ci siano state alcune sbavature a alcuni errori di troppo.

In serata di grazia le centrali, muri, attacchi punti in battuta, soprattutto Micheletto.

Bene dietro sia in ricezione, sia in difesa.

La partita ha permesso una rotazione nei set, lasciando a riposo a turno l’una o l’altra.

Ma la testa – non il condottiero rinascimentale – la concentrazione, la cattiveria agonistica e soprattutto i punti in battuta hanno fatto la differenza mettendo in difficoltà le avversarie e impedendo loro di costruire azioni pericolose al nascere.

Devastanti in battuta Micheletto (+7), Buffo, Manina e Cicogna (+4).

… le battute si diceva… ma allora non è vero che l’ UNION fa la forza, meglio Chi SOLA che male accompagnate…

Un saluto affettuoso e rispettoso a tutte le avversarie.

A martedì.

P.E.S.

Buffo 9 – Cicogna 12 – DeAgostini 10 – Micheletto 12 – Pasca 7 – Saltarella 2 – Manina 4

Alle Lillarelle l’andata dei quarti di finale provinciali

Primo set ineccepibile. Concesso una manciata di punti al Testona ma soprattutto giocato con attenzione e determinazione.
Il ricordo del ritorno con il Balamunt ha fatto si che le nostre, senza sprecare troppe energie prevalessero nettamente sulle avversarie, visibilmente spaesate e contraddette.
nel secondo, nonostante l’allarme di Gobbato a ripetersi come se il primo set non fosse avvenuto, si è verificato un leggero calo sino al punto numero 9… attacchi poco brillanti, ricezioni e difese carenti, muri “sbrecciati”. Da li in poi, nuovamente, determinate, le nostre ragazze hanno portato in porto il set senza ulteriori problemi.
Nel terzo set, stesso copione del primo. Facile… no concentrate, forti, attente questo si.
Da segnalare ultimamente le ottime battute – non quelle del Pastore silano – di alcune, in primis Manina, Buffo e Saltarella.
Sempre efficaci in attacco. Bene Deagostini anche nel giro dietro, ad affiancare le due libero, che si alternano.
Ci vediamo a Settimo martedì.
In queste ultime partite si è giocato meglio fuori casa, vediamo di giocare PIU’ MEGLIO ancora in casa !!!

TESTONA vs LILLARELLA : 0 a 3

08 a 25 – 16 a 25 – 11 a 25

Buffo 11 – Cicogna 14 – DeAgostini 7 – Coggiola 5 – Saltarella 4 – Micheletto 11 – Manina 5

La U18 ai quarti di finale

Ci eravamo lasciati la settimana passata sulle ali dell’entusiasmo per la vittoria netta e ineccepibile delle nostre balde giovani: soltanto 24 punti su tre set concesse alle avversarie.
Sempre concentrate, sempre indomite e all’attacco.
Buone battute, ottimi attacchi, muri non necessari ma validi quando richiesti,discrete ricezioni… insomma solo 24 punti al passivo.
Lunedì, ritorno – in casa ! – primo set 25 a 20, secondo vinto come si deve a 12 ma nel terzo, ancora una volta il calo di tensione ha portato le avversarie a totalizzare 17 punti.
Loro non avevano più nulla da perdere. Hanno forzato le battute, hanno difeso meglio, ma noi raramente le abbiamo messe in difficoltà.
L’altra sera avevamo un avversario con il quale si poteva recuperare, ma cosa succederà quando di fronte avremo – si spera – avversarie più “toste”?
Ai posteri l’ardua sentenza…
Intanto godiamoci il momento e… se son rose fioriranno !
P.E.S.
LILLARELLA vs BALAMUNT: 3 a 0
25 a 20 – 25 a 12 – 25 a 17

Buffo 11 – Cicogna 11 – DeAgostini n.e. – Pasca 2 – Micheletto 4 – Fantino 8 – Coggiola 3 – Manina 1 – Stura 10 – Saltarella 7

Vittoria nell’andata degli ottavi

… in previsione di gare più impegnative e credibili… lasciamo pure gli spiccioli.
Perché affannarsi a raccogliere le monetine, lasciamo sul piattino quei pochi “punti” che le avversarie ci hanno scucito o che noi generosamente abbiamo evitato di raccogliere.
In sintesi questo il resoconto della partita dell’altra sera: mai impegnate in modo preoccupante, mai sotto, sempre in vantaggio di molti punti tanto che i tre set vinti si sono chiusi il primo a 7, il secondo a 9 e il terzo a 8.
Credo ci sia poco da dire su questo test. Il divario tra le due squadre non è mai stato in discussione.
Troppo evidente – con rispetto – il potenziale superiore dell’equipe settimo-torinese.
Da sottolineare, comunque, che questa volta, a differenza di altre, le nostre balde giovani non si sono lasciate irretire dal non gioco o dal livello poco impegnativo: hanno mantenuto sempre alta l’attenzione e la concentrazione, facendo il loro a dispetto del livello e della godibilità della partita che agli spalti ha riservato ben poco, a parte il risultato sempre chiaro.
Lunedì ritorno. Stesso piglio, stesso atteggiamento per evitare sorprese, non penso, ma per evitare di sprecare l’occasione di provare in relax ciò che si prova in allenamento, senza la preoccupazione di sbagliare e di compromettere l’esito del match.
Comunque brave in difesa e in ricezione, da migliorare la reattività però in alcune occasioni, sempre efficaci in attacco (a parte le solite, bene anche Stura e Coggiola), concrete le centrali anche se non è stata la partita migliore per esprimere il loro potenziale, bene la regia e le alzatrici, in una serata in cui hanno giocato tutte.
P.E.S.

BALAMUNT – LILLARELLA 0-3
(7-25; 9-25; 8-25)

Buffo 5 – Cicogna 3 – DeAgostini 9 – Micheletto 12 – Pasca 5 – Fantino 3 – Stura 6 – Manina 2 – Coggiola 8

… Dove eravamo rimasti…?

“Bastarde dentro “! agonisticamente parlando si intende. Beh, non so se vincere il primo set 25 a 6 autorizzi a pensare che le nostre amate Lillarelle abbiano assimilato la lezione e fagogitato le avversarie…
l’altra sera, seppur contro un avversario tecnicamente inferiore, le nostre non hanno mai mollato. Non hanno mai concesso spazi e occasioni di recupero alle avversarie, che, all’andata, in casa nostra, non avevano sfigurato a onor del vero.
L’altra sera… un rullo compressore, un caterpillar, jackye la squartatrice.
Nel primo set, solo una volta Dravelli è riuscita nell’impresa di incamerare 2 punti di fila.
Nel secondo, un tantino più rilassate, mai in svantaggio abbiamo concesso più del dovuto, ma mai scoprendo il fianco.
I fondamentali sempre all’altezza, ma soprattutto la tenuta e la concentrazione.
In versione Pasta De Cecco, che non scuoce mai… abbiamo affrontato il terzo e definitivo ultimo set, in assoluta tranquillità lasciando Dravelli a 13.
Hanno giocato tutte.
Bene in attacco, bene in rice e difesa, bene a muro ma, mi ripeto, bene “nella testa”.
E ora, PRIME IN CLASSIFICA, si continua.
Pronti e viaaaaaaaaaaa…
P.E.S.

POLISPORTIVA DRAVELLI vs LILLARELLA : 0 A 3

Buffo 8 – Cicogna 10 – DeAgostini 11 – Pasca 10 – Micheletto 7 – Fantino 6 – Coggiola 4 – Stura 1